AlimentAzione

Gelato: benefici e consigli per gustarlo al meglio.

Quando il caldo ostacola le nostre attività e rende particolarmente difficile uscire di casa, andate alla ricerca di qualcosa di fresco e gustoso, che piace a grandi e piccini, che offre una grande varietà di gusti… andate alla ricerca di un buon gelato! Non possiamo non ripassare i benefici ed i segreti di un buon gelato! Prendete cono o coppetta e seguiteci tra le righe, per raccogliere più informazioni possibili!

La sua storia. Un italiano ebbe il merito di portare sulle nostre tavole il gelato! Questo alimento fresco e gustoso vide confermata la sua ricetta alla fine del Seicento, ad opera di Francesco Procopio, un italiano trasferitosi in Francia, che aprì il “Cafè Procope”. Proprio in questo locale Francesco offriva le cosiddette “Acque fredde” o “acque gelate”. Tuttavia, andando indietro nel tempo non mancano alimenti molto simili al gelato. Infatti dalle prime civiltà conosciamo l’uso delle cosiddette “neviere”, locali adibiti alla conservazione della neve per ottenere il ghiaccio. Ad esempio, già la nobiltà degli antichi egizi, nel II millennio, apprezzava le bevande fredde in cui si fondeva ghiaccio e frutta cotta.

Di cosa si tratta, quale preferire? Spesso viene considerato come un dessert, ma non sottovalutate le proprietà di questo alimento che, seguendo le giuste regole e dosi, può anche essere assunto come un pranzo completo! Non mancano infatti proteine, vitamine e minerali (quale il calcio presente nel latte). Il gelato infatti è un alimento completo, sano e genuino. Tuttavia, per evitare che questo alimento possa interferire con la nostra dieta e possa arrecare problemi al nostro organismo, vi sono dei piccoli accorgimenti da seguire prima di scegliere quale gelato mangiare. Artigianale o industriale? La prima risulta essere la risposta corretta in quanto il gelato artigianale vengono utilizzati additivi naturali come la farina di semi di carrube, come addensante. La ricetta originale di questa varietà di gelato dovrebbe contenere soltanto latte, panna e uova fresche, zucchero ed infine polpa di frutta o creme varie. In questa ricetta appare evidente l’eliminazione di conservanti, coloranti e aromi… tutto naturale!
E nel
gelato industriale? Unico lato positivo di questa varietà, è la maggiore durata di conservazione! Per il resto non mancano additivi come coloranti, emulsionanti e stabilizzanti.

Solo lattosio? No! Un tempo la scelta per coloro che erano intolleranti al lattosio era veramente risicata… ad oggi però con l’aggiungersi di nuovi gusti e, padroneggiando la ricetta, in quasi tutte le gelaterie non mancano gusti di gelato alternativi e privi di lattosio, ottenuti lavorando il latte vegetale: riso, mandorla o soia.

Mangiare gelato perché? Oltre ad essere buono, fresco e genuino non mancano in questo alimento numerosi benefici!

  • Buon alleato per la dieta: il gelato può essere un valido aiuto durante una dieta; come già anticipato è ricco di composti utili per il nostro organismo! Infatti i gusti alla frutta sono ricchi di antiossidanti, che contrastano l’azione dei radicali liberi.
  • Per la coagulazione del sangue risulta utile la vitamina K, una delle tante vitamine contenute nel gelato! Non mancano minerali come fosforo e calcio, perfetto quindi per i bambini in fase di crescita!
  • Per acquisire energia un buon gelato è ciò che serve! Ha infatti un alto valore nutritivo e fornisce molta energia al nostro corpo. Inoltre, avendo come ingrediente base l’acqua, risulta essere un alimento ottimo per reintegrare i liquidi che si perdono a causa delle alte temperature.
  • Per il nostro umore e cervello! Un buon gelato infatti favorisce la produzione della serotonina, ormone della felicità, che aiuta a combattere lo stress.
  • Per fare dolci sogni: il gelato infatti contiene L-triptofano ottimo aiutante in caso di insonnia.

Buona qualità. Ci sono alcune caratteristiche che non possono mancare in un gelato di buona qualità! In primis il gelato deve presentarsi con una certa corposità: deve essere omogeneo, consistente e uniforme alla vista. Non deve poi essere né troppo morbido e quindi colare, né troppo duro. Se vogliamo fare i pignoli, la consistenza ideale è “palatabile”, ovvero deve sciogliersi sul palato risultando morbido e insieme corposo.
Facendo una panoramica, la carta d’identità per un buon gelato è l’avere un aspetto
cremoso e soffice, superficie liscia o leggermente porosa, un colore naturale (indice di assenza di coloranti).

Gelato fai da te. Per fare il gelato in caso, essendo quindi sicuri sulla buona qualità degli ingredienti, vi sono due possibilità:

  1. Con la gelatiera: indubbiamente si è più avvantaggiati. Nelle istruzioni della vostra gelatiera saranno indicate le dosi degli ingredienti. Indubbiamente non potranno mancare zucchero, panna, latte o acqua, eventuali granelle o aggiunte solide (come cioccolato o frutta). Una volta miscelato il composto è importante ottenere un composto omogeneo, servendosi di un mixer ad immersione. Sigillate quindi il contenitore per evitare che il composto sia contaminato dai batteri presenti nel frigorifero. Una volta raffreddato il composto, versate la miscela nel cestello e mantecate per 40 minuti.
  2. Senza gelatiera: Mettete circa 250 grammi di panna liquida e 300 grammi di latte in formine da ghiaccio e riponetele in freezer. Nel mentre frullate la frutta fresca di stagione e, quando la panna sarà ghiacciata, frullatela e, se volete, dividetela in due parti. In questo modo avrete la base per il gusto fiordilatte da una parte, e dall’altra la base che, aggiunta al frullato di frutta, darà origine ad un fresco e squisito gusto alla frutta.

Lascia un Commento