AlimentAzione

Miele: il nettare che fa bene

Dolce e profumatissimo il miele è un vero portento per la nostra salute. Conoscete già tutte le qualità di questo nettare portentoso? Scopriamone insieme utilizzi e varietà!

Conosciamolo. Il miele è una sostanza zuccherina prodotta dalle api dall’elaborazione del nettare, il suo colore e le proprietà organolettiche variano a seconda dei fiori da cui proviene il nettare. Per produrne un chilogrammo le api percorrono un totale di circa 150.000 chilometri per andare a raccogliere il polline dall’alveare ai fiori. Le api sono insetti particolarmente sensibili all’inquinamento, infatti non si ha mai avuto notizia di miele inquinato, le api morirebbero prima di riuscire a produrlo. Il miele, è composto da zuccheri, acqua, fibre, proteine e da sostanze ed aromi dei fiori, tra cui i pigmenti derivati della clorofilla, tannino e fosfati. E’ formato quasi esclusivamente da zuccheri ed è molto importante, nella sua composizione, l’alta concentrazione di fruttosio. Il fruttosio infatti è al 100% un prodotto derivato dalla natura, senza nessun intervento da parte dell’uomo. Sono presenti anche alcuni minerali, tra cui calcio, fosforo, potassio, sodio, ferro, magnesio, zinco, rame, fluoro, manganese e selenio. Importante è anche la presenza di vitamine (B2, B3, B5, B6, C e J) e di amminoacidi.Ogni 100 gr di miele abbiamo un apporto di circa 300 calorie che sono utilizzabili immediatamente. Per questo motivo chi pratica sport è solito consumarlo sia prima che durante e dopo una competizione o attività sportiva.

Dalle api a noi. Il nettare e altre sostanze zuccherine, vengono succhiati dalle api operaie attraverso l’esofago e giungono così nella borsa melaria. Qui il nettare e le altre sostanze zuccherine vengono disidratate e sottoposte all’azione di particolari enzimi prodotti dalle api e trasformate successivamente in miele. La qualità dipende esclusivamente da due fattori: dall’attività delle api per produrlo e dal procedimento dell’uomo per estrarlo e per confezionarlo. Il miele immagazzinato dalle api nelle celle, viene estratto tramite centrifugazione, lasciato decantare per qualche giorno e successivamente riposto in vasetti.

Istruzioni per l’uso. Tutti i tipi di miele sono in origine allo stato liquido, ma con l’abbassarsi delle temperature molti di essi cristallizzano e diventano solidi. Per farli tornare allo stato liquido è sufficiente riscaldarli a bagnomaria ad una temperatura che non oltrepassi i 40°. Superata questa temperatura gli enzimi, le vitamine e le altre sostanze attive vengono danneggiate. Nell’industria del miele è molto diffusa la pastorizzazione che è in grado di liquefare stabilmente il miele ma, a causa delle alte temperature raggiunte, procura un considerevole danno biologico al prodotto. Per gustare il miele è consigliabile, per chi lo usasse come dolcificante nel latte o in altre bevande, di non aggiungerlo mai quando queste sono bollenti, ma solo e sempre quando sono bevibili, poiché una temperatura troppo alta sottrae al miele gran parte delle sue proprietà. Si conserva molto bene, ma è importante non lasciarlo invecchiare troppo per evitare la perdita di proprietà e caratteristiche organolettiche. La conservazione massima consigliata è di due anni.

Proprietà e Benefici.  Il miele merita di entrare tutti i giorni nelle nostre tavole. È un alimento energetico composto da zuccheri semplici (fruttosio-glucosio) facilmente digeribile, contiene infatti enzimi, vitamine, oligominerali e sostanze antibiotico-simili. Vediamo come il miele esercita i suoi benefici:

  • È particolarmente indicato nella dieta dedicata all’infanzia, in quanto favorisce la fissazione dei sali minerali nell’organismo umano, cosa che il normale zucchero non è in grado di fare. Ma attenzione, non è adatto all’alimentazione dei lattanti.
  • Antinfiammatorio e sedativo: in generale è un ottimo antinfiammatorio per la gola ed è indicato per alleviare e ridurre la frequenza della tosse. Possiede anche proprietà sedative, molto utili contro l’eccitazione nervosa e l’insonnia.
  • Possiede proprietà antisettiche e antibatteriche, per questo motivo l’applicazione sulle ferite, specialmente su quelle croniche, e sulle ustioni, apporta dei benefici.
  • Secondo alcune ricerche la sua assunzione regolare ridurrebbe al minimo le allergie stagionali. A questo scopo è necessario prendere due cucchiaini di miele grezzo al giorno a partire da un paio di mesi prima della stagione delle allergie.
  • Rinvigorente: secondo recenti studi il miele fornisce al nostro organismo sostanze essenziali come potassio, fruttosio e sodio che servono a riprendersi dopo gli sforzi.
  • Contiene diversi composti antiossidanti, contrasta quindi l’attività dei radicali liberi, l’invecchiamento cellulare e aiuta a prevenire l’insorgere di pericolose patologie cardiache.
  • Fa bene ai muscoli: fortifica i muscoli, aumenta la resistenza e ne favorisce il recupero.
  • Cura della pelle: un buon metodo per prendersi cura della propria pelle è quello di bere un bicchiere di latte e miele ogni mattina. Applicato su ferite ed ustioni ne velocizza la guarigione.
  • È efficace anche nel trattamento dell’acne. Mescolando miele e zucchero si può infatti ottenere uno scrub naturale e delicato. Lavare il viso con il miele è anche un buon metodo per tenere la pelle pulita e tonica.
  • A chi soffre di disturbi digestivi consigliamo di sostituire lo zucchero con il miele, che ha un’azione protettiva, stimolante, regolatrice sull’apparato digerente.
  • Sebbene contenga molte calorie quando è consumato con l’acqua calda aiuta a digerire i grassi più facilmente. Lo stesso effetto si ottiene se lo si consuma insieme al succo di limone o alla cannella.
  • Il miele, ha inoltre un’azione azione protettiva e disintossicante per il fegato, antianemica, diuretica e contribuisce alla fissazione del calcio e del magnesio

Ad ogni fiore, il miele. Come abbiamo scritto all’inizio, i tipi di miele sono molti e con proprietà organolettiche diverse, che variano a seconda del fiore con cui le api lo producono. Qui di seguito ne riportiamo i principali tipi e le relative proprietà:

  • Acacia: miele di colore chiaro, quasi trasparente e liquido. Disintossica il fegato, sfiamma la gola, leggermente lassativo.
  • Castagno: di colore molto scuro, ambrato liquido e trasparente. Disinfetta le vie urinarie, favorisce la circolazione, utile in caso di anemia e consigliato ai bambini e agli anziani.
  • Millefiori: di colore dal bianco all’ambrato, normalmente soggetto a cristallizzazione, antinfiammatorio per la gola e disintossicante per il fegato.
  • Tiglio: colore da ambrato chiaro ad ambrato scuro, cristallizza finemente, calmante della tosse, sedativo, lievemente diuretico.
  • Rododendro: miele di colore chiaro, cristallizzato, utile per curare i bronchi, ricostituente, combatte l’artrite.
  • Agrumi: di colore chiaro, quasi lucido, cristallizza in vari modi, sedativo e utile per l’insonnia e ricco di calcio e di vitamine.
  • Eucalipto: ambrato, cristallizza finemente, compatto. Calmante della tosse e del raffreddore, anti catarrale ed antibiotico.
  • Rosmarino: miele bianco cristallizzato molto fine. Cura il fegato e la colite, utile in caso di affaticamento.
  • Tarassaco: giallo vivo tendente al beige, cristallizzato fine. Indicato per sportivi, depura i reni, le vie urinarie e protegge il fegato.
  • Girasole: di color giallo paglierino vivo, cristallizzato fine. Ricalcificante delle ossa, combatte il colesterolo.
  • Ginepro: apporta benefici nelle affezioni respiratorie.
  • Melata: miele molto scuro, quasi nero, solitamente liquido. Utile per bronchi e faringiti, antisettico delle vie respiratorie.
  • Lavanda: miele di colore chiaro ambrato, cristallizzato molto fine. Utile contro l’insonnia, digestivo, analgesico, calma le punture d’insetto.
  • Timo ed eucalipto: in caso di infezioni respiratorie
  • Castagno: ricostituente, remineralizzante

In cucina. Due ricette di Veronica Geraci – insegnante di cucina AICI – http://www.homesweethomefood. – per fare la vinaigrette, ottime per condire l’insalata.

Vinaigrette base:

  • 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di aceto
  • 1 cucchiaino di senape
  • 1 cucchiaino di miele

Citronette:

  • 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 1 cucchiaio di miele
  • Sale
  • Pepe

Curiosità. Il miele era conosciuto ed utilizzato già 1000 anni prima della venuta di Cristo e veniva spesso indicato con l’appellativo cibo degli dei. Le sue proprietà ed i suoi benefici erano già noti agli antichi che ne facevano già largo uso: per scopi curativi, nella cosmesi e nella cucina. La tipica espressione luna di miele deriva dal fatto che nell’antichità si usava far bere agli sposi una bevanda a base di acqua, miele e lievito, al fine di propiziare l’arrivo di un figlio maschio.

Controindicazioni. Il miele non deve essere sottovalutato per quanto riguarda i possibili effetti indesiderati o controindicazioni rivolte alla salute di un individuo e le persone diabetiche devono prestare molta attenzione poiché gli zuccheri non mancano di certo in questo prodotto di madre natura. Non è adatto ai bambini piccoli perché può causare loro infezioni, ma superati i 2 anni non si rivelerà più pericoloso per i piccoli.

 

1 Commento

Lascia un Commento