BenEssere

Ansia e morale a terra? Ecco gli oli essenziali da usare.

Poche gocce e ci si sente già rilassati. Se è vero che profumi e odori stimolano ricordi e sensazioni, saranno di certo un valido aiuto per combattere ansia e stress quotidiano. Vediamo quali sono i migliori oli essenziali quando siamo giù di tono!

Quando l’aroma ti tira sù. Ormai è noto come le molecole aromatiche dei profumi e degli oli essenziali riescano a superare agevolmente la barriera ematoencefalica, andando a suscitare ricordi e a stimolare la produzione di immagini. Gli effetti benefici degli oli essenziali però vanno oltre l’aspetto romantico. Da diversi anni, infatti, moltissime sostanze aromatiche vengono regolarmente utilizzate nei protocolli riabilitativi basati sulla stimolazione sensoriale (ad esempio in geriatria), proprio grazie alla loro capacità di rievocare esperienze passate. Oppure ancora, gli oli essenziali, scelti con cura nella qualità e nel dosaggio, sono diventati validi aiuti per mitigare i sintomi dello stress, dell’ansia e della depressione.

Aromaterapia, conosciamola meglio. È stata ampiamente dimostrata, in ogni olio essenziale, la compresenza di proprietà rilassanti e stimolanti. L’Aromaterapia definisce queste sostanze “adattogene”, in quanto intervengono sull’organismo svolgendo l’azione più idonea a ritrovare l’equilibrio dell’individuo. E’ la stessa disciplina dell’aromaterapia a consigliare di trovare l’essenza, o le essenze, che più si adattano al nostro organismo e al nostro stato d’animo. Soltanto attraverso questa concordanza, gli oli essenziali possono produrre i loro effetti benefici sul nostro organismo.

Quali sono gli oli essenziali per combattere ansia e stress e le loro proprietà?

Olio Essenziale di Bergamotto.

E’ un olio essenziale fresco, delicato e gradevole, ottenuto dalla scorza dell’agrume ancora acerbo. È stato dimostrato in laboratorio la sua capacità di generare calma e rilassamento, arginando le condizioni di stress nelle persone ansiose.

  • Può essere diffuso nell’ambiente, oppure essere frizionato sul corpo o ancora essere miscelato a bevande e alimenti;
  • Perde parte delle proprietà se esposto alla luce diretta del sole (se intendiamo esporci al sole, è necessario coprire le parti del corpo sulle quali è stato applicato l’olio al fine di preservarne tutte le sue caratteristiche)

Olio Essenziale di Lavanda.

E’ conosciuto come l’olio essenziale per antonomasia, quello che universalmente può definirsi come adattogeno ideale per ripristinare l’equilibrio compromesso dell’organismo. Questo distillato di fiori di lavanda induce sollievo da stati di ansia e irrequietezza.  Studi scientifici hanno infatti dimostrato, attraverso elettroencefalogramma, come i soggetti che avevano inalato l’olio essenziale di  lavanda dichiaravano (i tracciati ne confermavano la veridicità) di sentirsi maggiormente rilassati, e contemporaneamente erano in grado di svolgere agevolmente i compiti aritmetici che gli erano stati sottoposti.

  • La lavanda trova applicazione anche negli stati di inappetenza e nausea;
  • L’olio essenziale di Lavanda può essere applicato sul corpo in caso di dolori e ovviamente anche come antisettico;
  • Stati d’animo devitalizzanti, come anche ansia e irrequietezza
  • Usato localmente, strofinato sulle tempie o semplicemente inalato dal palmo della mano, rilascia subito le sue proprietà rilassanti e gradevoli. Molto efficace è anche la diffusione ambientale.

Olio Essenziale di Ylang Ylang.

Questo olio, ottenuto dalla distillazione del fiore di una pianta asiatica, ha un profumo dolce, e per alcuni, anche melenso, ma in grado di  produrre benefici sugli stati di ansia e di stress.

  • Contrasta l’insonnia e, sempre per il principio della compresenza di effetti opposti, può ripristinare l’ipotensione e avere proprietà afrodisiache.;
  • Il suo uso può essere topico, con applicazioni su collo, polsi, piedi e schiena, oppure attraverso diffusione ambientale.
  • Occorre prestare, infine, attenzione ad un uso prolungato, che può talvolta condurre a sensibilizzazione da contatto.  

olio-di-lavanda

Olio Essenziale di Geranio.

Essenza dal gradevolissimo profumo di fiori, fresco e rigenerante, quella del geranio è un ottimo coadiuvante contro la tensione e lo stress. Aiuta a ripristinare l’equilibrio ormonale e a stabilizzare l’umore. I resoconti di soggetti che hanno utilizzato l’olio essenziale di geranio, riportano una maggiore rilassatezza e una minore propensione agli stati irritabili.

  • Inoltre, gli stessi soggetti, riferiscono di osservare una maggiore propensione a formulare nuove idee, sicuramente come conseguenza delle attenuate tensioni interne. Secondo alcuni studi questa essenza stimola il sistema linfatico.
  • L’olio è usato localmente sulle parti corporee più recettive o attraverso diffusione e può essere miscelato con tutti gli altri oli essenziali. Attenzione all’uso prolungato, che può condurre a ipersensibilizzazione.

Olio essenziale di Sandalo.

Considerato olio sacro e originario del sud dell’India, l’olio essenziale di sandalo è estratto dal legno della pianta sempreverde Santalum album. Dal profumo caldo, avvolgente e dolce, viene da sempre utilizzato come accompagnamento alle sedute di yoga e di meditazione.

  • Le sue proprietà rilassanti sono indicate per diminuire le tensioni e far fronte alle situazioni di stress. Stabilizzatore dell’umore e del sistema immunitario, contrasta l’insonnia e migliora la qualità complessiva del sonno;
  • Può essere utilizzato con applicazioni locali o attraverso diffusione ambientale e va usato con cautela durante la gravidanza;
  • Attenzione: vista la disponibilità ormai limitata di piante di sandalo si tende ad allungare e diluire l’olio essenziale; l’olio di sandalo puro è sensibilmente più caro rispetto a queste versioni.

Olio essenziale di Gelsomino.

Riconosciuta da sempre come l’essenza dell’ottimismo e della sicurezza, l’olio essenziale di gelsomino è un valido aiuto nella lotta contro la depressione. Dal profumo persistente, delicato e floreale, riduce la tensione.

  • Favorisce il sonno migliorandone qualità e durata;
  • Indicato in caso di mal di testa frequenti ed emicranie croniche;
  • L’olio di gelsomino è utilizzato localmente sulla pelle o diffuso nell’ambiente. In commercio ne esistono di due tipi: l’olio puro e quello di sintesi. Il primo è sicuramente più costoso, mentre il secondo non possiede di certo le stesse caratteristiche dell’olio puro.

Olio essenziale di Arancio.

Dal profumo fresco e fruttato, è talmente efficace contro il calo d’umore, da essere considerato un valido antidepressivo naturale., tanto che il suo utilizzo, in alcuni soggetti, ha condotto a una sensibile riduzione del consumo di psicofarmaci.

  • L’olio essenziale di arancio interviene inoltre sui sistemi endocrino e immunitario, ripristinandone gli equilibri alterati.
  • L’ olio di arancio è utilizzato sia localmente, per diffusione ambientale, che consumato per via orale. Nel caso di frizione sulla pelle dell’olio, è consigliabile proteggere la parte dall’esposizione diretta alla luce solare per almeno 12 ore dall’applicazione.

Olio essenziale di incenso.

È un olio dalle origini antichissime, originario della Penisola Arabica e dell’Africa Orientale, di cui già la Bibbia narra le proprietà benefiche e spirituali. Si tratta della secrezione oleosa della resina di piante arbustive, le cui molecole riescono a superare agevolmente la barriera ematoencefalica, facilitando il trasporto dell’ossigeno al cervello e la stimolazione del sistema limbico.

  • Riduzione degli stati ansiosi, irritabili e depressivi.
  • Alcune patologie respiratorie, grazie al suo sapore balsamico, possono trovare beneficio con il trattamento con olio essenziale di incenso, in grado tra l’altro, di regolare il battito cardiaco in caso di tachicardia;
  • Sedativo per eccellenza, è da secoli utilizzato come valido compagno di meditazione, grazie alla sua capacità di favorire gli stati introspettivi;
  •  Questo olio essenziale, balsamico e caldo, può essere utilizzato localmente sulla pelle oppure per diffusione ambientale. Può essere tranquillamente miscelato con tutti gli altri oli essenziali.

 

gli olii essenziali i loro effetti e le loro indicazioni

Come usare gli oli essenziali?

Per inalazione. Bastano 2-3 gocce  versate direttamente sul cuscino per inalare direttamente l’essenza durante l’intera notte, e facilitare il sonno. Oppure ancora, versiamo 1-2 gocce di oli essenziali sul palmo delle mani, frizioniamole fra loro e, avvicinandole al naso, aspiriamo profondamente 4-5 volte.

Per diffusione: Poche gocce inserite nel diffusore garantiscono per molte ore una distribuzione omogenea delle molecole aromatiche in tutto l’ambiente, sia durante le ore diurne che notturne. Se non abbiamo un diffusore, può andare bene anche l’umidificatore dei caloriferi.

Bagno rilassante: 5-10 gocce di essenza versate nella vasca da bagno sono sufficienti a ottenere una esperienza rilassante e tonificante. Gli oli essenziali vanno versati nella vasca a riempimento completato e mescolati con la mano, e non durante il riempimento, al fine di evitarne l’eccessiva evaporazione. In caso di pelli delicate, prima di versare le gocce nell’acqua, diluiamole preventivamente con un cucchiaio di olio vettore come olio di avocado, olio di cocco o di mandorle.

Frizione locale: Una miscela di 5-10 gocce di olio essenziale e 2 cucchiai di olio vegetale, è adatta alla frizione locale su torace, collo, polsi, piante dei piedi e tempie.

Massaggio: Prepariamo una miscela di 5-10 gocce di essenza e 50 grammi di olio vettore (es. mandorle dolci o jojoba). Una volta disciolte bene le sostanze, la soluzione è pronta per essere utilizzata in un delicato massaggio del corpo.

In auto. Si sa, in mezzo al traffico ci si stressa notevolmente; anche in questa circostanza possiamo avere a disposizione il nostro rimedio anti stress, basterà mettere alcune gocce in una pallina di tessuto o di cotone che andremo a posizionare all’interno della nostra auto.

In casa. Possiamo aggiungere qualche goccia di olio essenziale nell’asciugatrice per ottenere panni puliti e profumati o nell’aspirapolvere per diffondere le molecole profumate anche durante le operazioni di pulizia della casa.

 

Lascia un Commento