AlimentAzione

Orzo, il cereale che fa bene a cuore e linea

Conosciamolo meglio. L’orzo, nome scientifico Hordeum vulgare, è un cereale noto sin dall’antichità per le sue proprietà. È una pianta erbacea originaria dell’Asia ed appartiene alla famiglia delle GraminaceeL’orzo decorticato è composto da acqua, proteine, fibre, zuccheri e grassi. I minerali presenti sono il ferro, il potassio, il magnesio, lo zinco, il calcio, il sodio, il fosforo, il selenio, il manganese ed il rame. È ricco anche di vitamine (A, B1, B2, B3, B5, B6, E, K), contiene gli aminoacidi essenziali e, come molti altri cereali, contiene glutine. A conferma del suo alto potere nutritivo, 100 grammi di l’orzo apportano 354 calorie. Rispetto agli altri cereali, ha la caratteristica di maturare molto velocemente e di sopportare molto bene anche lunghi periodi di siccità. L’orzo può quindi essere coltivato un po’ ovunque, si adatta bene sia alle alte temperature che alle basse, così come si adatta bene anche all’altitudine.

In commercio se ne trovano prevalentemente tre tipi:

  • Decorticato, detto anche orzo mondato, che va posto in ammollo per una notte e poi va cotto per circa 40/45 minuti.
  • Integrale che va invece messo in ammollo per un giorno intero e va cotto utilizzando l’acqua dell’ammollo per un’ora e mezza.
  • Perlato che non necessita di ammollo e va cotto per una mezz’ora abbondante circa.

In Europa e soprattutto in Italia, troviamo quasi esclusivamente l’orzo perlato, ossia quello privato della pellicina che ricopre il chicco. Purtroppo, pur mantenendo un buon gusto, l’orzo perlato, a causa della lavorazione a cui viene sottoposto, perde per strada molte sostanze importanti e le loro proprietà, cosa che invece non succede all’orzo integrale.

Curiosità. L’orzo è utilizzato per produrre la birra e il caffè ma sfruttatissimo anche per preparare vari decotti e zuppe, fiocchi, polenta e caramelle. Nell’antichità fu molto utilizzato ed apprezzato da molte popolazioni per le sue proprietà e per la facilità con cui si adattava ai vari tipi di clima e di terreno, la popolazione egizia che lo impiegava per la preparazione del pane azzimo. Plinio il Vecchio ci racconta come gli stessi gladiatori venivano chiamati “hordeani” (dal nome latino del cereale che era appunto hordeum) per il fatto che questi erano soliti cibarsi di una zuppa a base d’orzo, particolarmente energetica.

ricetta-minestra-orzo-carciofi

Proprietà e benefici. L’orzo è in possesso di proprietà in grado di apportare benefici al nostro organismo, scopriamo perché aggiungerlo alla nostra dieta.

  • Questo cereale contiene una buona quantità di vitamina B, che apporta benefici al sistema cardiovascolare. Consumare regolarmente orzo abbassa il rischio di formazione di coaguli di sangue e di malattie cardiache. Negli uomini adulti, il consumo il suo regolare ridurrebbe il rischio di infarto al miocardio.
  • Essendo questo cereale molto ricco di proteine, sali minerali e fibre è molto utile a ehi soffre di problemi legati alla digestione. L’orzo infatti stimola la produzione di succhi digestivi, aiuta la regolarità prevenendo la stitichezza e protegge l’intero apparato digestivo. 
  • L’orzo accelera il metabolismo ed è particolarmente indicato per le persone che soffrono di gonfiore addominale.
  • Il fosforo ed il rame garantiscono la salute delle ossa e rappresentano un buon rimedio per le malattie delle ossa. Il succo estratto dalla pianta invece ha proprietà utili in caso di osteoporosi in quanto contiene circa 10 volte il quantitativo di calcio presente nel latte.
  • Contiene una buona dose di fibre alimentari con cui si alimentano i batteri benefici ospitati nell’intestino crasso e che facilita il movimento intestinale. In questo modo risulta molto efficace per mantenere colon ed intestino privi di tossine pericolose.
  • Probabilmente non tutti ne sono a conoscenza ma l’orzo contiene quasi il doppio di vitamina C rispetto alle arance. Questa sua proprietà è in grado di agire positivamente sul sistema immunitario proteggendo l’organismo dai malanni di stagione.
  • Secondo un recente studio americano il tocotrienolo sembrerebbe avere la proprietà di inibire la formazione del colesterolo cattivo LDL nel fegato. Anche la fibra insolubile presente nell’orzo contribuisce a regolare i livelli di colesterolo cattivo. Consumare orzo aiuterebbe inoltre ad abbassare i trigliceridi nel sangue.
  • È un valido antinfiammatorio, è utile fare gargarismi con il suo decotto in casi di infiammazione della cavità orale
  • La fibra alimentare beta-glucano presente nell’orzo avevano riduce significativamente i livelli di zucchero nel sangue. Fibra solubile, vitamine e minerali essenziali rallentano l’assorbimento di zuccheri da parte dell’organismo.
  • Questo cereale, ricco di fibra insolubile, può ridurre la secrezione di acido biliare, evitando così la formazione dei calcoli biliari.
  • È un alimento molto nutriente e per questo particolarmente indicato nell’alimentazione di anziani e bambini, è un ottimo remineralizzante delle ossa e, grazie al suo buon contenuto di fosforo, possiede proprietà in grado di apportare benefici alla capacità di concentrazione ed alla memoria.
  • L’acido silicico contenuto nell’orzo apporta benefici alla pelle, ai capelli ed alle unghie. È una buona fonte di selenio la cui attività contribuisce a preservare l’elasticità della pelle ritardando così l’insorgere delle rughe.

Controindicazioni. L’unica controindicazione che si riscontra nel caso di un discreto consumo di orzo è quella della probabilità di incappare in un fastidioso meteorismo intestinale.

Lascia un Commento