AlimentAzione

Regole per un pic nic sano e gustoso

Fine settimana di sole, aria frizzantina e prati in fiore cosa vi suggeriscono? A noi “Pic Nic”! Semplici regole per organizzare un pranzo fuori porta, portando da casa un cestino colmo di cose buone e sane.

Con l’estate alle porte il pic nic diventa un modo perfetto per trascorrere una giornata di sole all’aperto con famiglia e amici, magari organizzando tanti giochi per i bambini (e non solo). La prima cosa da fare è decidere dove organizzare il picnic. Ogni città è fornita di parchi in cui è possibile organizzare un pic-nic, ma se si ha più tempo si può organizzare la gita fuori porta, in collina o al lago, magari accertandosi che troveremo sul posto soste attrezzate munite di tavoli all’aperto e magari, per i più esperti, griglie con cui fare il barbeque. 

Cosa ci si deve portare? Ecco come organizzare il vostro picnic.

  • una coperta grande: ad esempio una coperta in stoffa sulla parte superiore e materiale impermeabile nella parte inferiore. In alternativa munitevi di tela cerata da mettere sotto la coperta; se non avete una coperta, andranno bene anche delle tovaglie resistenti con sotto delle stuoie da mare in paglia.
  • una tovaglia di carta, da usare sopra la coperta se mangiate sull’erba, o da usare sui tavolini delle aree attrezzate;
  • bicchieri, piatti, posate e tovaglioli di carta se volete essere pratici, di ceramica e stoffa se siete anti spreco per eccellenza;
  • un coltello per tagliare pane, ed eventuali salumi e formaggi (per praticità potreste già affettare e tagliare a casa, trasportando in comode vaschette);;
  • apribottiglie, che è una di quelle cose che si dimenticano spesso;
  • salviettine umidificate, soprattutto se avete bambini piccoli che possono sporcarsi, e non ci sono fontane, nè ruscelli;
  • condimenti: olio e sale da trasportare in piccole boccette o bustine, per condire gli alimenti sul posto, freschi;
  • buste di plastica per i rifiuti;
  • borsa frigo con ghiaccio per tenere in fresco le vostre bevande.

E ora veniamo al cibo, la parte organizzativa più importante di un pic nic. Come immaginabile i panini e i tramezzini sono un must assoluto: facili e veloci da preparare e comodi da consumare. Non vorremo portare solo quello, no? Allora via libera a frittatine di verdura, quiche, torte rustiche, verdure fresche da condire con olio e sale per un pinzimonio all’aria aperta, uova sode (anch’esse molto comode), insalate di ortaggi misti e frutta fresca. Ottime anche le insalata di pasta -meglio se integrale- con, ad esempio, zucchine, pecorino e scorza di limone, o alla greca, con feta pomodorini e olive nere. Potreste provare anche con gli spiedini, alternando melone e bocconcini di mozzarella, oppure, fragole e feta. Il finger food è sempre ben apprezzato in questi casi.

Acqua e bibite fresche sempre al seguito. Per accompagnare le fresche pietanze che abbiamo preparato per il nostro pic nic, il consiglio è quello di evitare il più possibile gli alcolici. Se i super alcolici non devono essere minimamente presi in considerazione, potremmo concederci una bottiglia di vino o, meglio ancora, di birra, che presenta una gradazione alcolica molto inferiore. Evitate anche bibite gassate ricche di zuccheri e sostanze chimiche. Ideali i succhi di frutta 100% senza zucchero, o i centrifugati fatti in casa ed imbottigliati. Ciò che non deve mai mancare è l’acqua! Si sa che dopo il pic nic ci scappa la partitella no? Allora, ricordate di tenere nella borsa frigo portatile qualche bottiglia di acqua. Acqua Uliveto, ad esempio, è un’ottima acqua con naturale microeffervescenza. Equilibrata e ricca di minerali, contribuisce ad una buona digestione. E’ importante mangiare bene, certo, ma anche bere bene e stare in salute. 

Qualche sana raccomandazione! Per un picnic sano e salutare è meglio osservare qualche piccola e semplice regola.

Evitare salse, intingoli e creme e puntare su prodotti freschi e crudi come frutta e verdura; 

Lavare accuratamente la frutta e la verdura, asciugarla e sistemarla in contenitori ermetici;

Occorre preparare in anticipo (12 ore prima secondo il Ministero della Salute) i panini, le insalate fredde e conservarle in frigorifero prima di riporle nella borsa frigo: quest’ultima mantiene le vivande al fresco (non raffredda!), purché si utilizzino un numero sufficiente di mattonelle di ghiaccio in rapporto alla quantità di cibo;

La borsa frigo va conservata all’ombra e al fresco (non in macchina!) fino al momento del pranzo;

Se la carne si cuoce a casa, bisogna lasciatela raffreddare bene prima di riporla nei contenitori;

Lasciate il guscio alle uova sode, sgusciatele sul momento.

Cercate di preparare porzioni già fatte per evitare il più possibile manipolazioni in ambienti dove non sia agevole lavarsi le mani.

Se sarete numerosi e se avete bambini da gestire, suddividere in monoporzioni preparazioni come focacce e torte salate, oltre che i classici panini.

 Ricordate che dovrete lasciare il luogo del vostro pic-nic così come lo avete trovato, se non addirittura migliore. Dunque non dimenticate di protare con voi dei sacchetti per i rifiuti adatti alla raccolta differenziata. Portate un sacchetto o ancora meglio un secchiello che vi permette di raccogliere facilmente le bucce di frutta e verdura o eventuali altri scarti organici. Evitando l’usa-e-getta i rifiuti del vostro pic-nic dovrebbero comunque essere al minimo.

 

Lascia un Commento