BenEssere

Pilates: rinvigorisce corpo e spirito

Equilibrio di corpo e mente e ricerca di sé stesi sono i principi base della pratica del Pilates. In questa disciplina infatti mente e corpo cooperano per ottenere risultati benefici per tutto il nostro organismo. Aiuta a tonificare e a rafforzare la muscolatura ed è molto di moda nei trend del fitness degli ultimi anni. Scopriamo tutto su questa disciplina.

 Conosciamolo. Il pilates è una disciplina sportiva costituita da esercizi volti ad allenare il corpo e a migliorare la flessibilità muscolare. Inoltre, grazie al lavoro che svolge sulla zona addominale e lombare è particolarmente adatto a chi ha bisogno di correggere la postura e riequilibrare i carichi sulla colonna vertebrale. Questa disciplina non è utile solo per mantenersi in forma ma viene anche utilizzata per migliorare l’attività psicologica, in quanto incoraggia l’uso della mente per controllare al meglio i muscoli. Prende il nome dal suo inventore Joseph H. Pilates, che la creò in Germania nel 1920. Inizialmente prese il contrology, perché coinvolgeva il controllo della mente. Fin da bambino l’inventore ebbe sempre salute cagionevole e cercava una disciplina che migliorasse le sue condizioni fisiche. Per fare questo fuse discipline occidentali e orientali, tra quelle che maggiormente lo avevano colpito durante i suoi studi. Nacque così un programma di esercizi che riprende le tecniche di rilassamento dello yoga e ad esse unisce il fitness e varie tecniche di respirazione. Produsse quindi una disciplina che si adattava perfettamente ai limiti di qualunque soggetto. Il pilates conta circa 500 differenti esercizi che possono essere svolti a corpo libero o con l’aiuto di attrezzi, come la nota palla da pilates; gli esercizi però, seppure siano molti, sono da eseguire con poche ripetizioni. Alla base del pilates stanno queste parole d’ordine:

  • Fluidità: volta alla completa libertà di movimento
  • Ricerca del baricentro: non solo dal punto di vista fisico ma anche mentale, una ricerca totale dell’equilibrio
  • Concentrazione: il pilates aumenta le capacità riflessive e di concentrazione
  • Precisione: essa è molto utile per evitare un dispendio di energie troppo alto
  • Controllo: il pilates insegna non solo a controllare perfettamente i movimenti rendendoli più armoniosi ma anche a controllare i sentimenti.

Benefici. Gli esercizi del pilates coinvolgono i muscoli di tutto il corpo e si serve dei punti di forza per colmare quelli di debolezza. Se svolto con costanza e secondo un programma studiato sui propri limiti, il pilates è in grado di apportare numerosi benefici che contribuiscono alla buona salute e al miglioramento del nostro stile di vita. Vediamo insieme questi benefici:

  • Per i muscoli: il pilates è una pratica che favorisce l’allungamento e la tonificazione di tutti i muscoli coinvolti. Le fasce muscolari che vengono sollecitate non aumentano la loro massa ma risultano più toniche. Questo è dovuto ai numerosi esercizi, svolti sia a corpo libero sia con attrezzi che fungono da resistenze. I muscoli principali che vengono resi più tonici sono quelli del tronco.
  • Rieducazione posturale: il rafforzamento dei muscoli che confluiscono nel tronco, favorisce un maggiore controllo fisico che produce anche un miglioramento della postura. Esso inoltre aiuta a sciogliere le tensioni a livello lombare e cervicale, contrastando così i dolori cronici di cui molti soffrono.
  • Per il sistema respiratorio: nel pilates si tengono ben distinte le fasi di inspirazione ed espirazione. Inizialmente questo risulta molto difficile ma con l’abitudine ci si accorge che questo metodo produce un rafforzamento dei muscoli e un miglioramento dell’ossigenazione dei tessuti.
  • Aumenta l’autostima: I benefici procurati dagli esercizi del pilates a livello fisico stimolano le cellule neurologiche e questo ha effetti positivi sull’umore. Di conseguenza, sentirsi più sicure della propria postura, del proprio fisico e di avere una mente sveglia e attiva migliorerà l’autostima e la fiducia in sé stessi. Inoltre, permette di scaricare le tensioni, liberandoci così da stress e ansia.
  • Per mantenersi in forma: se viene associato ad una buona dieta esso migliora l’attività metabolica del nostro corpo. Gli esercizi favoriscono il drenaggio dei liquidi, evitandone il ristagno e diventando perfetti alleati della lotta alla cellulite. Pe quanto riguarda invece la perdita di peso il pilates, in quanto attività anaerobica, non è sufficiente da solo ma richiede l’integrazione di esercizi aerobici.
  • A livello sanguigno: questa disciplina migliora la circolazione sanguina, favorendo una più rapida eliminazione delle tossine. Inoltre è proprio nel sangue che vengono immesse le endorfine, ovvero gli ormoni responsabili del miglioramento dell’umore.
  • Per le donne in gravidanza: alcuni degli esercizi sono studiati per le donne in gravidanza, poiché non richiedono uno sforzo eccessivo. Prima di praticarlo bisogna attendere il primo trimestre, dopo ciò potrà essere svolto fino all’ultimo mese e poi anche in fase post-parto. Aiuta a mantenere tonici i muscoli e ad affrontare correttamente l’aumento del peso e a correggere la postura mentre il fisico cambia, rinforzando la colonna vertebrale. Infine, esso contribuisce ad allenare i muscoli del perineo e questo aiuta a velocizzare il parto.

A casa. Premettiamo subito che il modo migliore di praticare pilates è svolgerlo in un centro specializzato seguiti da trainer che possono controllare la postura e il metodo di esecuzione, correggendovi qualora stiate sbagliando. L’istruttore dovrà infatti seguire color che svolgono gli esercizi prestando attenzione ai diversi movimenti e stabilendo insieme ad essi il programma a loro più adatto. I corsi ideali prevedono 2 o 3 lezioni a settimana, della durata di 30 minuti o un’ora. Vi sono però alcuni esercizi che possono essere svolti a casa, cosa che permetterà a molti di praticarlo anche la sera o quando si avranno momenti liberi. Per praticarlo bastano uno spazio vuoto e un tappetino; ecco alcuni esercizi:

  1. Spine twist: seduti sul tappetino, aprire le braccia verso l’esterno e ruotare torace e collo prima verso destra poi verso sinistra, fino a che il corpo non oppone resistenza. I movimenti devono essere fluidi e lenti per una migliore esecuzione.
  2. Swimming: stendersi sul tappetino a pancia in giù e porre le mani sotto la fronte. Con le gambe ben distese, operare movimenti come quelli del nuoto con i piedi.
  3. Front dive: in piedi con le gambe unite e le braccia lungo i fianchi, tirare verso l’alto e in seguito piegarsi verso il basso, molto lentamente, cercando di toccare il suolo con le dita.
  4. Half-roll down: da sdraiati, tirare indietro l’ombelico e girare in parte il bacino, finché non si sente una leggera resistenza. Distendere le braccia e ruotare infine anche il collo.

Un consiglio: questa disciplina non presenta controindicazioni, a meno che non si abbiano contratture o problemi di salute e può essere praticata da bambini, adulti e anziani. Un consiglio che vi diamo però è quello di rivolgersi al proprio medico se si soffre di dolori alla schiena, prima di iniziare a praticarlo.

Lascia un Commento