AlimentAzione

Dall’orto arrivano i piselli, i legumi amici della salute

Hanno moltissime buone proprietà, sono legumi ma, contrariamente a ciò che si pensa, si rivelano preziosi per la linea e sono preziosi in gravidanza. Dall’orto oggi arrivano i piselli. Scopriamo insieme perché fanno bene!

Carta d’identità.  I piselli fanno parte della famiglia dei legumi e nascono da una pianta erbacea chiamata “Pisum Sativum” – appartente alla famiglia delle Fabacee o Leguminose la stessa di fagioli, lenticchie, fave, lupini, ecc., tutte accumunate per la presenza di baccello.
-e originaria dell’Asia, anche se diffusa nell’area mediterranea già dall’antichità: questo legume risale, infatti, a circa 5 mila anni fa. Oggi, i piselli sono consumati davvero in tutto il mondo e in sono presenti come ingrediente di piatti di diversissime cucine. Ovviamente, come per tutti gli ortaggi, vi consigliamo di consumare piselli freschi per poter godere appieno delle proprietà benefiche e nutrizionali che li riguardano. I piselli contengono, infatti, circa l’80% di acqua, proteine vegetali, carboidrati, fibre, vitamine – come la A, la C, la B1, la B6 e la B9 o acido folico – esali minerali, tra cui potassio, fosforo, zinco, magnesioferro e calcio. Ogni 100 gr di piselli contengono 52 kal.

Perché fanno bene? I piselli vantano molteplici proprietà salutari:

  • Apparato cardiocircolatorio: la vitamina C, la B6 e l’acido folico aiutano, infatti, a mantenere bassi i livelli di colesterolo;
  • Diuretici: i piselli hanno proprietà drenanti, toniche ed energetiche;
  • Muscoli: il potassio apporta benefici ai muscoli e fa sì che i piselli siano indicati dopo l’attività sportiva;
  • Sistema immunitario: nei piselli è presente un’alta percentuale di clorofilla che stimola l’organismo nella produzione di globuli rossirafforzando, dunque, il sistema immunitario;
  • Diabete: i piselli riescono a stabilizzare la glicemia e quindi essere utile nella prevenzione del diabete e per chi soffre di resistenza insulinica;
  • Dieta: per quanto riguarda i valori nutrizionali di questo prezioso alimento, si parla di circa 52 calorie per 100 grammi di piselli freschi e di ben 282 per 100 grammi di prodotto secco. I piselli freschi, poi, essendo davvero scarsi di grassi e non molto calorici, sono adatti nelle diete ipocalorichee, dunque, a chi desidera perdere peso e dimagrire, oppure restare in forma.
  • Intestino: i piselli vantano proprietà lassative: sono, infatti, indicati in caso di stitichezza – per cui è molto importante anche berein special modo quelli secchi. L’elevato contenuto di fibre aiuta l’intestino a svolgere la propria funzione. A beneficiare di questi legumi è anche l’apparato digerente: ciò è, infatti, dovuto al poco amido contenuto in essi, che li rende molto digeribili. La buccia, inoltre, aiuta l’intestino.

Dalla gravidanza alla menopausa. I piselli sono legumi che non dovrebbero mancare nell’alimentazione della donna soprattutto durante due fasi in particolari della vita biologica femminile: la gravidanza e la menopausa. Per ciò che concerne fertilità e gestazione, è utile ricordare la presenza di acido folico dei piselli, vitamina che, come sappiamo, è indispensabile sia per il corretto sviluppo del feto, per evitare malformazioni gravi.  In menopausa, invece, si possono combattere i sintomi con l’alimentazione. Oltre alla soia, anche i piselli  contengono fitoestrogeni; sostanze che aiutano ad alleviare i fastidiosi disturbi del periodo.

Scegli e conservali così. I piselli sono di stagione proprio in questo periodo: si trovano freschi nei mesi di maggio, giugno e luglio; ma sono reperibili tutto l’anno anche surgelati, secchi e in scatola, chiaramente molto più comodi.
Come per tutte le verdure, è preferibile il consumo fresco dei piselli, perché più gustosi e nutrienti. I piselli secchi richiedono un periodo di ammollo prima di essere cucinati, quelli surgelati necessitano della medesima modalità di cottura ed hanno un sapore pressoché identico, mentre quelli in scatola sono già pronti al consumo, ma non propriamente indicati per la conservazione in salamoia. Per sceglierli, occorre prestare attenzione ai baccelli che devono essere integri e duri. Conservazione: in frigorifero per 3-4 giorni.

Ph www.saporie.com

Lascia un Commento